Di nuovo in forma dopo le vacanze


Le vacanze non sono certo il modo ideale per mantenere la “linea” e spesso dopo la villeggiatura ci ritroviamo con qualche chilo in più da eliminare; per tornare al lavoro in piena forma fisica si deve tener conto di alcuni suggerimenti.

Vino e Bevande Alcoliche

In vacanza, anche se tutti sanno che l’alcool è controindicato soprattutto per chi fa sport (riduce i riflessi, peggiora il recupero, fornisce calorie non utili all’attività muscolare), è facile esagerare soprattutto con bevande dissetanti come la birra e anche se l’alcool presente in questa bevanda è limitato, le dosi ingerite a volte sono significative. Anche il vino fresco a tavola viene bevuto volentieri e, specie se durante i pasti si beve vino di diversi tipi, il quantitativo di alcool assunto aumenta. Concluse le vacanze è necessario ridurre i quantitativi ed eliminare i momenti più pericolosi di assunzione, ad esempio il mattino a digiuno; si deve poi ricordare quanto segue:

  1. le bevande alcoliche, anche se gradevoli, non sono indispensabili e ogni grammo di alcool produce 7 calorie;
  2. vino e alcolici sono sconsigliati a chi soffre di malattie dell’apparato digerente (gastriti, ulcera gastrica e duodenale ecc.): il vino stimola le secrezioni digestive peggiorando la situazione;
  3. vino e alcolici sono sconsigliati a chi ha il fegato in disordine: questo organo è uno dei più impegnati nella trasformazione e nel metabolismo dell’alcool e l’eccesso di bevande alcoliche può danneggiarlo.

Le Fritture

Altro problema è quello dei cibi fritti che, se cucinati male possono presentare dei rischi. I grassi di condimento sottoposti a temperature elevate producono radicali liberi, aldeide acrilica e lipoperossidi, sostanze irritanti e tossiche per l’organismo; il problema si accentua quando si utilizzano grassi già usati in precedenti fritture. Per cibi fritti non si intende solo la frittura di pesce, le patate fritte o le frittate di uova, ma anche tutti i cibi fritti in pastella (cotolette, fiori di zucca, olive ripiene ecc.), cibi stuzzicanti che spesso, mangiando fuori di casa, vengono assunti più volte nella settimana.

Suggerimenti

  • Si devono preferire i cibi cotti al vapore o alla griglia; con queste cotture si può aggiungere olio crudo dosandolo meglio
  • La cottura allo spiedo o ai ferri è consigliabile perché il grasso proveniente dalla rosolatura può essere eliminato (ogni grammo di grasso apporta 9 calorie); lo stesso discorso vale per il pesce
  • Dovendo cuocere un fritto, conviene “asciugarlo” sulla carta assorbente prima di servirlo in tavola
  • Se si mangia il pollo è opportuno eliminarne la pelle, dove risiede la maggior parte del grasso
  • Si deve diminuire il quantitativo di sale per evitare il rischio di ipertensione e la ritenzione di acqua, causa di inestetismi e gonfiore
  • Per aromatizzare i piatti si possono usare aromi naturali come cipolla, aglio, limone, prezzemolo, basilico, salvia, rosmarino, pepe, aceto balsamico ecc., scoprendo sapori a volte più gustosi del sale

Oltre ad una alimentazione più “igienica” e corretta, è opportuno aumentare o riprendere l’attività fisica; i soggetti giovani (meno di 35 aa.) possono iniziare con un po’ di corsa, i meno giovani devono invece iniziare con esercizi di ginnastica generale per poi passare gradualmente ad attività più intense. Si può anche andare in bicicletta, nuotare, camminare a piedi e salire a piedi le scale, ballare? Ricordiamo infine che è sempre conveniente effettuare un controllo medico periodico, con l’esecuzione di accertamenti strumentali di base (ad esempio elettrocardiogramma e analisi del sangue) per non correre rischi inutili e migliorare la nostra efficienza fisica.

Perché la dieta può non funzionare?

  • Se non hai mai fatto sport, il tuo corpo perde grasso, ma sviluppa i muscoli: il peso non diminuisce, ma il corpo acquista tonicità;
  • Il peso deve essere misurato sempre alla stessa ora del giorno e nelle stesse condizioni;
  • I primi chili non sono sempre facili da perdere. Prima di considerare la dieta fallita devi aspettare almeno un mese;
  • Il tuo metabolismo deve adattarsi al cambiamento di abitudini alimentari;
  • Se si inizia contemporaneamente una intensa attività fisica ed una alimentazione ipocalorica, può accadere che l’organismo reagisca “conservando energia”: si deve perseverare e i primi chili cominceranno a scendere.


I Cibi da non perdere

  • Arancia – contiene vitamina C, acido folico e fibre
  • Pane Integrale – ricco di fibre, contiene almeno 12 vitamine e minerali
  • Melone – 200 g forniscono il fabbisogno giornaliero di vitamine A e C
  • Broccoli – ricchi di vitamina C, carotenoidi e acido folico
  • Patate – contiene carotenoidi, vitamina C, potassio e fibre
  • Anguria – fonte di vitamina C e carotenoidi
  • Fagioli (e legumi in genere) – ricchi di proteine, ferro, acido folico e fibre
  • Salmone – grazie agli OMEGA-3 previene i disturbi cardiaci
  • Cereali integrali – 150 g ogni mattina forniscono un terzo del fabbisogno quotidiano di fibre

Sport e Calorie

  • Marcia (moderata) 140 cal/ora
  • Ciclismo (velocità moderata) 280 cal/ora
  • Equitazione 370 cal/ora
  • Tennis 500 cal/ora
  • Canottaggio 700 cal/ora
  • Nuoto 500 cal/ora
  • Judo 600 cal/ora
  • Calcio 700 cal/ora
  • Rugby 700 cal/ora
  • Hockey 700 cal/ora

Addio ai fuori pasto

Il soprappeso in vacanza è favorito anche dai fuori pasto; molte persone tendono a privilegiare fuori casa i cibi salati rispetto ai dolci per paura di ingrassare. Al contrario nei cibi salati sono contenuti grassi in elevata quantità: ad esempio le olive contengono il 27% di grasso, i wurstel il 24%, i semi di arachide e le patatine fritte il 50%, i salumi oltre il 30%. I gelati contengono latte, zucchero, cioccolato, nocciole; per gustarli si dovrebbero sostituire al pasto serale e mai aggiungerli alla cena stessa. Le merendine tipo “pan di Spagna” per 30 g di peso apportano 119 calorie, una “brioche” per 40 g di peso ne apporta 168: aggiunte ad altri cibi ipercalorici o consumate in numero elevato aumentano in modo considerevole le calorie ingerite, senza dimenticare che i dolci farciti hanno un contenuto calorico ancora più elevato. Si deve considerare quindi tutto quello che si mangia durante la giornata (patatine, salatini, caramelle, cioccolatini, bevande zuccherate) e non solo gli alimenti dei pasti di mezzogiorno e sera. Solo quando l’allenamento e l’attività fisica provocano un forte aumento del dispendio energetico è utile inserire nella dieta gli alimenti dolci, che forniscono calorie prontamente disponibili e sono facilmente digeribili. I fuori pasto ideali sono la frutta fresca, i frullati e le spremute senza zucchero: la presenza di fibre e cellulosa, oltre alle vitamine e ai sali minerali, comporta un senso di sazietà, prevenendo i disturbi conseguenti alla sovralimentazione.

Per ritrovare la linea

Cosa fare

  • ridurre l’uso dei dolci fuori pasto e di condimenti grassi;
  • aumentare l’attività fisica moderatamente;
  • bere acqua quando compare la sete;
  • ridurre il sale, ma non eliminarlo;
  • frazionare l’ingestione di cibi durante la giornata;
  • ridurre le bevande zuccherate;
  • controllare il quantitativo di vino;
  • conteggiare tutto ciò che si mangia e si beve lungo la giornata;
  • controllare il peso periodicamente (nudi, a digiuno, al mattino);
  • imparare a conoscere il valore alimentare dei vari cibi.

Cosa NON fare

  • mettersi a digiuno completo;
  • prendere medicinali per diminuire la fame;
  • intraprendere diete eccessivamente restrittive;
  • bere superalcolici, aperitivi, amari, alcolici digestivi;
  • mangiare solo filetto e insalata (dopo pochi giorni smettereste);
  • tenere in casa cibi che possono indurre in tentazione;
  • eliminare completamente pasta, riso, pane e patate;
  • mangiare in fretta;
  • gustare carne e verdura fritta o passata al burro; è preferibile grigliare o lessare;
  • mangiare fuori pasto “stuzzichini”: olive, patatine, noccioline.

Via Pagine Mediche

Giornalista, editore, smanettona senior, counselor (diplomanda).

Lascia un commento